Anche a Bologna arriva Balcony TV, dietro le quinte della prima puntata, di Eloisa Grimaldi

In cima ad una delle torri più belle di Bologna la città si mostra in una prospettiva inedita, arrampicandoci sulla torre dell’orologio si vede Piazza Maggiore delinearsi sotto nuovi profili, guardando giù le persone piccolissime calpestano un disegno a marmo policromo che ricopre tutta la piazza e che è impossibile da vedere in altro modo, in somma da qui in cima il cielo azzurro è proprio bello, giornata ideale per scoprire cosa avviene su questo tetto di pregio dietro le quinte di Balcony Tv Bolgona che da qualche mese si è aggiunta al progetto intercontinentale, il quale conta numerosi “balconi” musicali.


Il progetto è infatti semplice quanto affascinante: un format web TV che raccoglie più di 60 balconi nel mondo, un’idea nata da Stephen O’Regan, produttore musicale che iniziò riprendendo una band che suonava con strumenti acustici sul balcone della sua casa a Dublino, programmando quindi uno show di promozione degli artisti emergenti che si esibivano in acustico sulle terrazze panoramiche delle più belle zone d’Italia. Non poteva mancare Bologna ed il 3 aprile 2017, Balcony Tv Bologna nasce ufficialmente, noi abbiamo sbirciato dietro le quinte della prima puntata arrampicandoci sulle scalette che sormontano al torre dell’orologio ed assistendo alle riprese di artisti fantastici: Il Pan del Diavolo, Jack Cantina e T-Vernice.

Parliamo con Jacopo Simi, Federico Bendinelli e Stefano Vigorito di come ha preso vita il progetto. Jacopo ci racconta che ha conosciuto Balcony TV quattro anni fa, entrando in contatto con la presentatrice di Balcony Roma ed ha tentato di avviare il progetto a Bologna, ma solo in questi ultimi mesi si è concretizzato il gruppo giusto e la possibilità di avviare le riprese, grazie anche alla disponibilità della Film Commission Bologna. Il lavoro di avviamento e promozione è stato lungo ed elaborato, ma finalmente, aggiunge Federico, dopo aver valutato diverse location interessanti è stato individuato il posto perfetto, in cima alla torre dell’orologio, che rispetta anche uno dei punti fondamentali del format e cioè offrire una vista speciale della città in cui si registra e promuovere la buona musica locale.

Il senso ultimo del progetto ha infatti un portato transculturale, grazie alla musica e alle nuove tecnologie è stato possibile sviluppare un format intercontinentale in cui le città si raccontano attraverso le proprie sonorità contemporanee e grazie al quale è possibile interlacciare rapporti artistici importanti, dunque è un modo importante per promuovere la città e la sua creatività musicale.

L’impegno e la passione di questo gruppo di ragazzi è davvero coinvolgente, ciò che emerge subito è una spiccata professionalità nelle individuali competenze -video, foto, audio- che fa del team un esempio riuscito di professionismo che scansa le regole competitive del mercato per sostenere un senso più alto del lavoro, quello che trova nella motivazione individuale, nella passione e nell’appartenenza ad gruppo il suo sano combustibile.

Dunque grande professionismo, grande passione e un grande team -che conta registi, videomaker, fonici e presentatori- un incontro raro e prezioso che potremo coltivare seguendo le loro gesta su https://www.balconytv.com/bologna

http://www.balconytv.com/videos/balconytv-bologna-launch-show

voxzerocinquantuno, n.9, aprile 2017


Eloisa Grimaldi laureata in DAMS, approfondisce il campo degli Studi Interculturali con un Master, appassionata di teatro, musica, umanità e poesia, si occupa di diffusione culturale musicale, sviluppa metodi formativi tramite le arti teatrali e collabora a progetti editoriali di stampo sociale e indipendente.

(114)

Share

Lascia un commento