Be Here. Bologna Estate 2019. Da maggio a settembre il cartellone estivo del Comune di Bologna

Cultura, quartieri, sport e divertimento per tutti.

Comincia la nuova edizione di Bologna Estate, il cartellone estivo promosso e coordinato dal Comune di Bologna, che quest’anno si protrarrà fino a settembre con proposte articolate in tutta la città metropolitana. Il format, che la scorsa estate ha portato alla rassegna un milione di spettatori, si consolida e si rafforza. Cinema, musica, danza, teatro, mostre, libri e lettura, passeggiate e itinerari alla scoperta dell’Appennino e della pianura, occasioni di approfondimento e di divertimento e anche tantissimo sport, il tutto in una programmazione di durata continuativa che valorizza i quartieri e apre luoghi accessibili di interesse sociale, culturale, storico artistico e naturalistico.

Come di consueto il cartellone di Bologna Estate si compone dei progetti e delle proposte dei tanti operatori pubblici e privati della città e dell’area metropolitana, per un totale di 250 rassegne che si sviluppano in oltre 2.000 eventi disseminati in più di 200 luoghi diversi. Sono 208 i progetti pervenuti a seguito dell’avviso pubblico emesso dal Comune che si è chiuso a marzo. Tra questi sono state selezionate ben 119 proposte da programmare in città e 37 diversi itinerari e progetti da organizzare nella città metropolitana a cui si aggiungono 59 rassegne ed eventi culturali promossi dai suoi Comuni.

Bologna Estate quest’anno si arricchisce e si rinnova. Tra gli appuntamenti più importanti della stagione tornano i grandi film proposti da Sotto le stelle del Cinema che quest’anno porterà a Bologna un ospite d’eccezione: Peter Fonda che presenterà il restauro di Easy Rider. Protagonista dell’estate il Cavaticcio che accoglierà i concerti di Biografilm Park, tra i nomi in cartellone, Riccardo Sinigallia, These new puritans, Fast animals and slow kids, I hate my village. Novità di quest’anno i concerti di Bologna Sonic Park che riapre l’Arena Joe Strummer di Parco Nord con nomi del calibro di Slipknot, Salmo, J-AX +Articolo 31, Skunk Anansie, Weezer, Subsonica, Greta Van Fleet, Afterhours e Bring Me The Horizon, l’Orchestra di Piazza Vittorio che suonerà alla Barca e i concerti di “Oltre Festival” al Navile con Noyz Narcos, Rikomi; Franco 126, Mecna, Motta. Piazza Santo Stefano accoglierà lo Yamaha Silent Wifi concert di Andrea Vizzini e tornano i concerti dell’Orchestra del Teatro Comunale in Piazza Verdi tra cui ricordiamo l’esecuzione dell’Orchestra e del Coro diretti da Alberto Malazzi dei “Carmina Burana” di Carl Orff, grande successo della scorsa stagione estiva. Per il teatro arrivano Babilonia Teatro e Roberto Latini, rispettivamente al Premio Scenario e al Parco della Zucca per la rassegna “Attorno al Museo” e ritorna Vito con il suo spettacolo “Artusi Bollito d’Amore”. Grande attenzione anche alla cultura popolare a cui sarà dedicata la “Notte della Filuzzi” del 14 agosto che grazie alle orchestre “Massimo Budriesi” e “Barbara Lucchi & Massimo Venturi” trasformerà Piazza Maggiore e il crescentone in una vera pista da ballo. Centrali le emozioni dello Sport, una tra tutte quella che ci regaleranno gli Europei di calcio Under 21, con quattro partite allo Stadio Renato Dall’Ara e lo spettacolo di Federico Buffa in Piazza Maggiore la sera del 14 giugno, e poi molti luoghi in più per stare insieme nei Quartieri e le nuove proposte della rassegna Piazza Verdi racconta, di Montagnola 360° che porta a Bologna i concerti di Nubya Garcia, Gabriela Mendes e Ashley Henry e di BOtanique con Papa roach, Joan as a policewoman e Giant sand. Per la prima volta una grande rievocazione storica dedicata alle vicende che portarono al 12 giugno 1859 data che vide la definitiva partenza delle truppe imperiali austriache e del Cardinale Legato dalla città si svolgerà in diversi luoghi di Bologna con centinaia di rievocatori in costume storico.
L’estate bolognese porta nel centro cittadino nuovi spazi di socialità con le attività legate al Cinema Medica in via Montegrappa e grazie alla rassegna Cortile Aperto, curata della Fondazione per l’Innovazione Urbana che, per la prima volta, accoglie il pubblico nel Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio, nuovo luogo dedicato ad incontri e appuntamenti culturali in cui durante l’estate aprirà anche un nuovo piccolo bar e punto ristoro. Fra gli appuntamenti già in calendario da non perdere, gli incontri con Saskia Sassen, sociologa ed economista statunitense di fama internazionale, Giovanni Allegretti, Joan Subirats e Tarso Genro.
Torna anche Repubblica delle idee con ospiti prestigiosi e appuntamenti concentrati in Piazza Santo Stefano, e il 22 giugno la città accoglie il Gay Pride e aggiunge nel cartellone di Bologna Estate alcuni dei suoi più rilevanti eventi culturali.
Infine ricordiamo l’ampio programma estivo di FICO Eataly World: tutti i giorni appuntamenti diversi studiati in collaborazione con i più importanti partner attivi in città per godere delle sere d’estate all’aria aperta: dalle degustazioni in vigna alle letture per bambini nell’uliveto, dall’ aperitivo in frutteto, che torna anche quest’anno, alla novità assoluta del cinema in vigna, organizzato con la Cineteca di Bologna, e ancora il Drive in, un ciclo di tre appuntamenti col cinema dal sapore squisitamente retrò e la mostra Neil Armstrong, the First, con gli oggetti e i documenti utilizzati da Neil Amstrong in persona proprio cinquant’anni fa.
Dal 22 maggio al 9 giugno Palazzo d’Accursio ospiterà il Green Social Festival 2019. All’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile, indetto da ASVIS a livello nazionale, a Bologna faranno tappa quattro mostre fotografiche, incontri, convegni e tante altre attività per fare conoscere gli obiettivi contenuti nell’Agenda 2030. Tutte le mostre, nell’ambito del Green Social Festival 2019 verranno allestite negli spazi di Palazzo D’Accursio; inaugurazione il 22 maggio alle 10.30.

 

Le novità dell’edizione 2019

Nei quartieri. Qui Bologna Estate si presenta quest’anno con 58 rassegne, nuove idee e progetti che si estendono anche alle zone più esterne dei quartieri, coinvolgendo le comunità locali e aprendo nuovi spazi alla cultura e alla socialità e valorizzando con contenuti di qualità la voglia di aggregazione dei cittadini. Ecco le novità di questa stagione: arrivano le iniziative della Cineteca nei quartieri e iniziano in giugno alla Sala Centofiori nel Quartiere Navile festeggiando i 40 anni del film Chiedo asilo, girato e ambientato da Marco Ferreri a Corticella, con Roberto Benigni nei panni di un maestro elementare. E proprio per celebrare questo anniversario, è prevista la rimpatriata di tutti gli alunni del1979. Sempre a giugno si inaugura un ciclo di serate nel parco del DOM al Quartiere Pilastro, con una selezione di comiche di Chaplin e Keaton, accompagnate al pianoforte da Daniele Furlati, che anticiperanno i cine-concerti in Piazza Maggiore e uno dei temi de Il Cinema Ritrovato 2019, il Circo. Da settembre, invece, nella sala polivalente del Quartiere Savena partirà un calendario di appuntamenti curati dalla Cineteca: per la prima data di settembre, è in programma una serata dedicata alla storia di Bologna attraverso le immagini. La programmazione di Borgo Panigale-Reno quest’anno inaugura la rassegna estiva presentata alla Barca, oltre al programma della rassegna “Il Treno dei Desideri” che inizia con il Finger Food Festival e che presenterà numerose iniziative tra musica, cibo e spettacolo per tutto il corso dell’estate, anche la serata del 13 maggio per la presentazione della candidatura dei Portici a patrimonio dell’umanità Unesco, a cui parteciperanno gli assessori Matteo Lepore e Valentina Orioli, e il concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio che si svolgerà in luglio. Dopo il successo dello scorso anno, torna con una nuova formula articolata in tre diversi quartieri “Opera Camion”, l’opera viaggiante che con il titolo ”Il quartiere si dà le arie” presenterà proprio le arie d’opera più famose eseguite dal vivo e contestualizzate nel racconto intessuto dall’attore Maurizio Cardillo. Nel Parco delle Caserme Rosse, al Navile, arriva “Oltre Festival”, quattro giorni di musica con importanti artisti della scena pop, indie, rap e alternative, tra cui Noyz Narcos, Rikomi; Franco 126, Mecna, Motta. Sempre al Navile si arricchisce il Mercato Albani che presenta un programma di musica, teatro, moda, dibattiti, convivialità e laboratori; molto vitale anche il Quartiere San Donato che presenta due diverse rassegne promosse da Orchestra Senzaspine: “Pasol”, il ciclo di appuntamenti che per quattro week end consecutivi porta dentro e intorno all’arena Pasolini laboratori e momenti di scambio, organizzati con le associazioni del territorio, nell’ambito di quattro aree tematiche, ovvero hip hop, circo, musica elettronica e sport di lotta e “Sun Donato” al Parco Parker Lennon.
Al Quartiere Santo Stefano per la prima volta in Bologna Estate la Lunetta Gamberini si anima di un nuovo programma che in un contesto comunitario e solidale presenta serate di cinema da guardare seduti sul prato, appuntamenti di musica, serate danzanti con tango, balli popolari e animazione a cui si intrecceranno attività di comunità tese a favorire l’inclusione e l’intergenerazionalità. Al Savena le associazioni del territorio aderenti alla rete Savena STEPS, presentano una rassegna che si articola in appuntamenti di teatro, danza, commedia dell’arte, musica e racconti in diversi luoghi del Quartiere tra i quali l’area delle Due Madonne, Piazza Lambrakis, il Parco del Paleotto. Formula rinnovata anche per “L’eco della prima collina”, la rassegna che anima l’estate a Villa Ghigi, con concerti di musica in acustico, cinema proiettato sul muro antico della villa, incontri, escursioni e occasioni per guardare le stelle sdraiati sul prato.
A Porto-Saragozza quest’anno si svolgeranno invece gli appuntamenti teatrali di grande qualità inseriti nel programma del Premio Scenario, in collaborazione con DAMSLab.

 

Lo sport. Dopo l’esperienza positiva della scorsa stagione che ha visto lo sport entrare con successo nelle manifestazioni estive, quest’anno Bologna Estate allarga il cartellone sportivo e lo arricchisce di occasioni davvero uniche come gli Europei Under 21 di calcio, un appuntamento internazionale di sport che aprirà lo stadio Dall’Ara alle gare dell’Italia – il 16 giugno contro la Spagna e il 19 contro la Polonia – alla sfida tra Spagna e Polonia il 22 e anche a una delle due semifinali il 27 giugno. Una manifestazione importante che Bologna Estate accoglie nel suo cartellone insieme a molti altri eventi sportivi che punteggeranno tutta la stagione. Domenica 2 giugno, “Giornata Nazionale dello Sport”, i Giardini Margherita saranno teatro dello “Sport Day 2019”, una giornata organizzata dal Comune di Bologna – in collaborazione con Coni Point Bologna, Cip, Italian Sporting Game, Consulta Comunale dello Sport, Fipav, Aics, Csi, Uisp – dedicata alla diffusione della pratica sportiva attraverso esibizioni e prove libere di diverse discipline. Torna il grande basket estivo con il Playground dei Giardini Margherita al 18 luglio e “Not in my house” con 96 squadre e circa 600 giocatori, che si sfideranno nei campi dell’area metropolitana e di Bologna città dal 10 giugno al 17 luglio. Per gli appassionati di baseball arriva in città l’European Championship Cup 2019 (Coppa dei Campioni), il torneo di club più prestigioso nel panorama continentale, allo stadio Gianni Falchi di Bologna e al campo di Castenaso dal 4 all’8 giugno. Il calendario per chi ama la corsa prevede la StraBologna il 26 maggio, la Run Tune Up l’8 settembre e la Race for the Cure il 22 settembre. Inoltre dal 24 luglio al 3 agosto si disputeranno alla Lunetta Gamberini i Campionati Europei U19 di football americano. Infine ricordiamo che anche quest’anno al Parco della Montagnola la rassegna Montagnola 360° apre gli impianti sportivi temporanei che saranno disponibili gratuitamente nel corso di tutta la giornata e che a FICO Eataly World si celebra il Giro d’Italia, con la proiezione delle 21 tappe e gli aperitivi dedicati e si accende per tutta l’estate anche un nuovo campetto illuminato da pallavolo e da basket in esterna, grazie alla collaborazione sempre più stretta con UISP.

 

La musica. Bologna Estate 2019 si presenta ancora più musicale dello scorso anno e mette in primo piano il ruolo di Bologna Città della Musica Unesco. In Piazza Santo Stefano ospiterà il Yamaha Silent Wifi concert di Andrea Vizzini una suggestiva e intima esperienza multisensoriale che il pianista milanese offre al pubblico di Bologna Estate che potrà ascoltare l’evento attraverso l’uso di cuffie. Ma quest’estate si apre per la prima volta anche Bologna Sonic Park, il grande progetto musicale di Vertigo che riaccende in modalità green l’Arena Joe Strummer al Parco Nord e che, tra fine giugno e luglio, ospiterà i concerti di Slipknot, Salmo, J-AX +Articolo 31, Skunk Anansie, Weezer, Subsonica, Greta Van Fleet, Afterhours e Bring Me The Horizon. Ancora protagonista dell’estate il Cavaticcio che accoglierà i concerti di Biografilm Park realizzati in collaborazione con Locomotiv club. Tra i nomi in cartellone, dopo l’inaugurazione con Riccardo Sinigallia, These new puritans, Fast animals and slow kids, I hate my village.
La zona universitaria risuonerà ancora delle note diffuse dal palco di Piazza Verdi animato dalla ricca programmazione di Piazza Verdi racconta, il nuovo progetto a cura di Le macchine celibi, dove confluisce anche la proposta del Teatro Comunale. Inoltre, tra le novità, si segnala yoU COME – Unesco cities of music event, il nuovo format promosso da Bologna e Pesaro, le due città italiane del network delle città creative della musica Unesco che vede sul palco band e musicisti rappresentanti delle città di Hannover (Tinatin), Amarante (Equilibrio), Praia (Tradison di tera), Ghent (Okkuperdeer), Katowice (Max Bravura), mentre Bologna e Pesaro hanno scelto un unico nome come rappresentante italiano, il cantautore Cimini. Nella zona Universitaria anche il concerto Perpetulum con l’ensamble di 4 percussionisti Third Coast Percussion (USA).
Musica anche ai giardini di via Filippo Re dove si svolge la nuova edizione di Botanique, mentre torna per il secondo anno consecutivo Round Midnight la rassegna di jazz che anima la seconda serata di Piazza Maggiore nel Cortile di Palazzo Re Enzo e che si aggiunge alla programmazione estiva de “Il Salotto del Jazz”, in via Mascarella. Non possono mancare poi le proposte musicali di Montagnola 360° che si consolida attraverso una grande attenzione allo scouting di talenti provenienti dal circuito underground e indipendente, con ospiti internazionali per una miscela di sapori e note provenienti da ogni angolo del mondo. Infine a settembre sarà la volta di “Tutto Molto Bello”, il festival dedicato alle etichette indipendenti che quest’anno presenta un’edizione dalla programmazione più ampia che si allargherà anche ad altre location in città.

 

Il teatro e la danza. Molto teatro quest’anno a Bologna Estate che estende la programmazione e presenta spettacoli di qualità con molte novità.
Il Festival Scenario che, agli inizi di luglio, porterà negli spazi della Manifattura delle Arti i finalisti del premio Scenario e Scenario Periferie: artisti under 35 provenienti da tutto il territorio nazionale presenteranno alla giuria e al pubblico i loro corti teatrali, una finestra di eccezionale valore sul panorama teatrale emergente. Accanto a loro saranno in scena con spettacoli serali alcuni degli artisti più importanti emersi negli oltre trent’anni di storia del premio, tra i quali ricordiamo Babilonia Teatri e Teatro Sotterraneo.
Ancora in via di definizione i dettagli relativi alla location che ospiterà il gradito ritorno di Vito, con lo spettacolo “Artusi bollito d’amore” che renderà omaggio, in maniera appassionata e ironica alla figura di Pellegrino Artusi, uomo di scienza, cultura e grande conoscitore dell’arte culinaria italiana.
Tra Bologna e l’Area Metropolitana si svolgerà il percorso teatrale dell’associazione Ateliersi dal titolo “GAP!”, che metterà a confronto generazioni diverse sul tema della Resistenza. Il progetto metterà in connessione luoghi particolarmente significativi, come il parco di Montesole. Al Parco della Zucca, la rassegna “Attorno al Museo” organizzata dall’Associazione Parenti delle vittime della strage di Ustica, ospiterà tra l’altro il lavoro di Roberto Latini e un live act multimediale di videoarte e musica con John De Leo. Tutti progetti creati appositamente per la rassegna da artisti di fama nazionale anche con il coinvolgimento dei più giovani. In attesa del debutto in autunno della produzione di Antonio Latella tratta da “La Valle dell’Eden” di John Steinbeck, Emilia Romagna Teatro Fondazione dedica l’estate al mito americano, raccontandone luci e ombre tra musica e letteratura con il ciclo “AmericanEden”. Una serie di appuntamenti in diversi luoghi della città per riscoprire le pagine di Steinbeck, grazie alla collaborazione con il MAMbo, la Cineteca di Bologna e l’Istituzione Biblioteche di Bologna per il Festival Biblioteche in Piazza. E poi tornerà ad aprirsi il Chiostro dell’Arena del Sole, in tre serate-aperitivo con musica dal vivo da ascoltare sotto le stelle. A Teatri di Vita quest’anno arriva “L’estate è un classico”, un tris di spettacoli dedicati a tre classici del teatro, da Shakespeare a Strindberg passando per il mito greco, per scoprire la modernità in parole antiche.
La Compagnia del Pratello formata dai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Bologna, porterà in scena, nel Cortile dell’Istituto Penale Minorile di Bologna “Eredi Eretici”, ultima produzione della compagnia con la regia di Paolo Billi.
Tra le novità nella danza segnaliamo sul Palco di Piazza Verdi Jazz-H2 Music&Dance, lo spettacolo ideato da Vittoria Cappelli che unisce il jazz e l’HipHop e coinvolge il jazzista Piero Odorici e le più importanti realtà bolognesi della scena hip hop, come Karlos e Kris. DancER è invece il progetto, presentato da LaborArtis e dedicato ai ragazzi delle periferie che presenta corsi di hip hop gratuiti con ballerini professionisti e uno spettacolo finale degli allievi affiancati da grandi stelle della danza. La compagnia DNA presenta una rassegna di azioni performative in spazi non convenzionali al quartiere San Vitale – San Donato e al Parco del Paleotto si potrà partecipare a All’improvviso il corpo, laboratori, masterclass, ricerca e performance con focus sul movimento, la danza, la musica e la voce nella pratica dell’improvvisazione e della composizione istantanea. Sono dicei infine le nuove creazioni di Danza Urbana che a settembre si snoda negli spazi più belli e inconsueti della città, con coreografie di artisti provenienti da Giappone, Cina Taiwan, Libano, Spagna e Italia, tra cui Alessandro Sciarroni e Enzo Cosimi.

La cultura popolare. La programmazione di Bologna Estate ha sempre riservato spazio alle manifestazioni di cultura popolare, ma quest’anno in particolare questo genere trova una nuova centralità e si rafforza, arrivando fino al cuore della città. Sarà infatti dedicata alla Filuzzi la serata del 14 agosto in Piazza Maggiore che vedrà protagoniste le orchestre “Massimo Budriesi” e “Barbara Lucchi & Massimo Venturi”, formazioni ben conosciute e apprezzate in tutta la Regione, e portatori del puro genere folkloristico, ereditato dai maestri Ruggero Passarini e Dino Lucchi, grandi interpreti del gusto filuzziano e del puro ballo petroniano. In occasione della “Notte della Filuzzi”, il crescentone di Piazza Maggiore si trasformerà in una vera e propria pista da ballo dove tutti potranno divertirsi e vedrà anche la partecipazione di Fausto Carpani.
Cultura popolare, convivialità e divertimento sono anche gli ingredienti di Andè bän int al canèl!
la rassegna organizzata dall’Associazione culturale il Ponte della Bionda che alterna musica, prosa in lingua dialettale e cabaret, lasciando come di consueto ampio spazio durante l’ultima settimana di programmazione alla musica da ballo con la presenza delle più note orchestre di liscio e filuzzi, a cui si aggiungeranno momenti dedicati a balli moderni e lindy-hop. Il Cerchio infranto, l’associazione tesa alla tutela e alla valorizzazione dell’Archivio Storico del Canzoniere delle Lame presenta un calendario di laboratori di canto sociale in Piazza dell’Unità, e un concerto di Giovanna Marini in trio alla Casa gialla, mentre ritorna nel Cortile d’Onore di Palazzo d’Accursio la rassegna di teatro di figura organizzata da i Burattini di Riccardo.

Piazza Verdi. Centrale nel cartellone anche la proposta dedicata alla zona universitaria oggetto del secondo avviso pubblico dell’estate 2019 lanciato dal Comune, che si è chiuso il 4 aprile scorso e che ha riconosciuto il progetto presentato da “Macchine Celibi” quale migliore proposta per la programmazione estiva che si articola intorno a Piazza Verdi. Il programma, realizzato anche in collaborazione con l’Università, il Conservatorio, l’Accademia di Belle Arti e numerosi operatori culturali della zona, presenta appuntamenti dedicati in particolare alle arti performative e agli incontri a carattere divulgativo e culturale, e valorizza Bologna Città Creativa della Musica Unesco, tenendo conto della centralità del Teatro Comunale – che sul Palco di Piazza Verdi svolgerà parte della programmazione di Lyrico Festival ovvero la seconda edizione della rassegna che raccoglie gli eventi organizzati dal Teatro per Bologna Estate. Una programmazione eterogenea che nel corso dell’estate presenterà, oltre alle opere liriche del cartellone, ricordiamo a luglio la riproposta della Traviata di Giuseppe Verdi – titolo extra che si aggiunge in occasione dell’estate alla programmazione del cartellone – anche 16 diversi appuntamenti tra i concerti del Foyer Rossini e della Terrazza e 9 concerti in Piazza Verdi tra i quali, oltre al già ricordato ritorno di Carmina Burana, segnaliamo anche Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, interpretate dall’Orchestra del Teatro Comunale in un progetto in collaborazione con Home Movies, la Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini con Orchestra e Coro del Teatro Comunale diretti da Alberto Malazzi, il Concerto del Brass Ensamble sempre del Teatro Comunale e due diversi appuntamenti che vedranno protagonista del palco di Piazza Verdi la compagnia Arthemis Danza di Monica Casadei.

Città Metropolitana. Si consolida l’immagine di ‘Bologna città di un milione di abitanti’ grazie a Bologna Estate che anche quest’anno si estende a tutto il territorio della città metropolitana con un numero maggiore di rassegne rispetto all’edizione 2018: sono ben 96 infatti i titoli che comprendono programmi con centinaia di appuntamenti.
Del cartellone estivo fanno parte sia i 37 progetti proposti da soggetti privati attraverso il bando del Comune di Bologna che sono stati selezionati e finanziati dalla Destinazione turistica Bologna metropolitana – a questo proposito vale la pena ricordare che nel 2018 i progetti selezionati erano stati 11 – sia le rassegne e gli eventi culturali promossi dai Comuni e dalle Unioni della città metropolitana e selezionati attraverso i referenti territoriali dei tavoli del turismo e della cultura. Si tratta di 59 rassegne suddivise tra le aree dell’Appennino della Pianura e dell’imolese. Anche in questo caso la tendenza rispetto al 2018, in cui erano presenti in programma 40 rassegne, è in visibile aumento.
Spiccano in questa stagione le proposte di sport, in particolare quelle dedicate al cicloturismo e quelle incentrate sul trekking e sono da segnalare gli appuntamenti dedicati ai cinquant’anni dall’allunaggio che si svolgeranno tra a Bologna, Loiano, Reno-Lavino-Samoggia tra questi ricordiamo: “Bologna con le stelle” e “Al chiaro della luna”…. Ancora, i trekking in appennino declinati in molte diverse forme, da quelli di coppia a quelli con gli animali di “itinerari a 6 zampe”, fino a quelli musicali, tra cui la novità costituita da Mater Dei e le già collaudate Via della lana e della seta. Tra le novità vanno segnalate le rassegne “L’Appennino Ritrovato”, “Valsamoggia jazz Fest”, “Festival degli Dei”, “Le Antiche Vie degli Organi”, mentre tra gli appuntamenti più consolidati ricordiamo Borghi e frazioni in musica – che quest’anno inaugura con una speciale serata che porta in Piazza Verdi il concerto dell’Osteria del Mandolino all’insegna della tradizione del territorio bolognese con la presenza straordinaria di Carlo Maver e Eloisa Atti – “Zola Jazz and Wine” le grandi conferme del “Porretta Soul Festival”, “Lagolandia”, “Imola in musica”, “Condimenti Festival”, “Funkyland”, “B’est Movie”, “Selva in Jazz” e “Le notti delle Sementerie” a Crevalcore.

 

Le conferme di Bologna Estate

Il cartellone prevede come di consueto le iniziative garantite dalle Istituzioni culturali della città che in molti casi collaboreranno tra loro in un sistema virtuoso che garantisce la qualità e diversifica l’offerta di molte rassegne.
Cineteca di Bologna che non mancherà di appassionare il pubblico dell’estate con le immagini del cinema più bello del mondo, quello di Piazza Maggiore, dove Il grande schermo si accenderà, per “Sotto le stelle del cinema”, proponendo oltre 50 serate di proiezioni gratuite dal 17 giugno al 15 agosto. Cuore di questa programmazione ancora una volta il festival Il Cinema Ritrovato, la cui 33ª edizione presenterà 500 film in 9 giorni per trasformare Bologna nel Paradiso dei cinefili in un viaggio dalle origini del cinema ai nuovi restauri,che coinvolge appassionati da più di 60 Paesi nel mondo. Tra gli appuntamenti principali di questo 2019, le serate musicali in Piazza Maggiore con l’orchestra del Teatro Comunale che accompagnerà i nuovi restauri di due capolavori di due maestri dell’epoca muta: The Circus di Charlie Chaplin e The Cameraman di Buster Keaton. E poi i festeggiamenti per il 50°anniversario di un culto che ha attraversato le generazioni: Easy Rider. Era infatti il 1969 quando le moto di Dennis Hopper – anche regista del film –, Peter Fonda e Jack Nicholson attraversavano le strade d’America con il loro inno di libertà. E a presentare il nuovo restauro di Easy Rider ci sarà proprio uno dei suoi protagonisti, icona del cinema mondiale: Peter Fonda.
Il meglio del cinema di qualità in anteprima, concerti attesi, esperienze gastronomiche caratterizzano la quindicesima edizione di “Biografilm Festival – International Celebration of Lives”, con più di 100 film da tutto il mondo per oltre 300 eventi in 10 giorni alla presenza di più di 400 ospiti. Tra i tanti artisti, la fotografa Letizia Battaglia, ritratta nel film “Shooting the Mafia” di Kim Longinotto in anteprima italiana, e l’attore Fabrice Luchini con la sua ultima commedia, “Chi l’ha scritto? Il mistero Henri Pick” di Rémi Bezançon, anche questa in anteprima italiana. Battaglia, fotoreporter nota per aver mostrato con i suoi scatti le stragi di mafia e Luchini, ironico e talentuoso interprete del cinema francese, saranno tra i premiati con il Celebration of Lives Award.
L’Istituzione Biblioteche, oltre a garantire per tutta l’estate la continuità dei servizi su tutto il territorio grazie al sistema di turnazione delle aperture, presenta sul palco di Piazza Verdi, nell’ambito del Patto per la Lettura di Bologna, una nuova edizione della settimana delle biblioteche “Biblioteche in Piazza”, una serie di incontri con autori e personaggi famosi – tra gli ospiti segnaliamo Neri Marcorè e Vito Mancuso – per parlare di libri e letture, ma anche un modo per conoscere meglio i servizi della nostra Istituzione che in questa occasione saprà presentarsi e raccontare le sue biblioteche, straordinari luoghi di accesso alla cultura oltre che di accoglienza e socialità. Iniziative legate al Patto per la Lettura di Bologna si potranno vedere durante l’estate anche nell’ambito di altre rassegne e in altri luoghi della città. Non mancheranno anche quest’anno gli ospiti di “Stasera Parlo io”, la rassegna che vede protagonisti gli autori più importanti del momento e che quest’anno annovera tra gli ospiti Massimo Giletti e Rita Dalla Chiesa.
L’Istituzione Bologna Musei tornerà sul palco di Piazza Maggiore, per raccontare attraverso le voci degli operatori dei musei le bellezze del patrimonio che conserva, in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna.
Con le collezioni permanenti, alcuni percorsi espositivi rinnovati e le mostre temporanee, i musei civici bolognesi costituiscono una fonte inesauribile di percorsi e suggestioni. Ampio e diversificato il panorama delle esposizioni temporanee. Tra queste, Ex Africa. Storie e identità di un’arte universale al Museo Civico Archeologico; la personale di Julian Charrière All We Ever Wanted Was Everything and Everywhere al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, che verrà inaugurata l’8 giugno con un live set a cura dell’artista nel Parco del Cavaticcio in collaborazione con Biografilm Festival e Locomotiv Club, e Bologna Rock, 1979 sempre al MAMbo. Tornano inoltre alcune delle rassegne di eventi serali più apprezzate dal pubblico bolognese: il festival (s)Nodi: dove le musiche si incrociano al Museo della Musica; gli Appuntamenti estivi in Certosa curati dal Museo civico del Risorgimento. Prosegue, poi, con due appuntamenti il ciclo di incontri L’arte è donna. Incontri tra libri e opere nei musei di Bologna.
Anche quest’anno un posto speciale tra i servizi per le famiglie avrà Estate al museo organizzata dai Servizi educativi dell’Istituzione: 15 settimane per 75 giorni di programmazione in 22 sedi museali diverse per un totale di 150 attività rivolte a bambini e adolescenti.
Porte dell’arte aperte anche a Ferragosto nei consueti orari di apertura di ogni museo.

Bologna Estate conferma anche quest’anno le sue rassegne più consolidate: “A Summer Musical Festival” con spettacoli al Teatro Duse e al Teatro Comunale, “Pianofortissimo” che porta i più importanti musicisti internazionali nel Cortile dell’Archiginnasio, “BOtanique” che offre concerti di alta qualità e convivialità ai Giardini di Via Filippo Re e “Cuore di…” che indaga le culture di paesi stranieri a Teatri di Vita, “Antigonellacittà” al Chiostro di Santa Cristina in collaborazione con la Biblioteca delle Donne, “Atti Sonori” che scopre le forme artistiche al confine tra musica e teatro al Baraccano dove si svolge anche i Giardini del Baraccano, “Kilowatt Summer” dedicata quest’anno alla dimensione ludica del gioco, gli incontri e la musica della rassegna “I Giardini al Cubo”, arti performative immerse nella natura con l’ ”Estate ai 300 scalini”, la rassegna di Fantateatro dedicata ai più piccoli nel cortile del teatro Duse, la rassegna “L’altra sponda” al Cassero e i concerti di “La strada del Jazz”.

La comunicazione

Bologna Estate 2019 mantiene l’identità visiva lanciata lo scorso anno. Tra le declinazioni del claim BE Here si aggiunge “BE Europe”, in omaggio ai campionati europei di calcio Under 21 che Bologna ospita a giugno e la nuova icona “Be dance” che allarga il coloratissimo sistema visivo multi-soggetto ideato da LO Studio. Gli strumenti di comunicazione ruotano intorno al sito bolognaestate.it, online dai prossimi giorni, che presenterà alcune nuove funzionalità come la mappa su scala metropolitana e il filtro che permette una ricerca mirata degli eventi in base alle categorie di interesse. Al centro della comunicazione anche i canali social del Comune di Bologna, Città Metropolitana, dei Comuni e delle Unioni dell’area metropolitana e di Bologna Welcome che con il Comune di Bologna cura anche la speciale pubblicazione pensata per illustrare i principali eventi della stagione. A questa conferenza stampa che presenta la struttura del cartellone di Bologna Estate seguiranno, a partire dai prossimi giorni, gli approfondimenti sul programma delle singole rassegne che saranno presentate dagli stessi operatori con comunicati e conferenze stampa ad hoc.
Ancora una volta la città e l’area metropolitana si vestiranno dei colori di Bologna Estate, ma con un occhio alla sostenibilità: i supporti di comunicazione utilizzati per il city dressing sono infatti per la maggioranza gli stessi dello scorso anno. Anche nella produzione dei materiali di comunicazione e negli allestimenti delle location, infatti, il cartellone estivo fa propri gli obiettivi di accessibilità, sostenibilità e collaborazione del progetto europeo ROCK e presenta anche nelle sue principali rassegne un’estate plastic-free per promuovere la cultura diffusa e condivisa della sostenibiltà ambientale. Per questo il Comune ha organizzato quest’anno attività formative rivolte a tutti gli operatori culturali di Bologna Estate.

Bologna Estate 2019 si realizza grazie al sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Gruppo Unipol, Legacoop Bologna, Ascom Bologna, Tper e con la collaborazione di Bologna Welcome, Alce Nero, Bologna Servizi Cimiteriali, Bologna Servizi Funerari, CNA, Confesercenti Bologna, Confartigianato Imprese di Bologna e di Imola, Confcooperative Bologna.

Vox Zerocinquantuno n.34 Giugno 2019


C S Comune Bologna.

Foto: Ufficio Stampa Comune Bologna

Tutto il programma su
bolognestate.it

(20)

Share

Lascia un commento