Brexit, the never ending…By Paola Barbuzzi

It is still vivid the memory of that early Friday morning the 24th June 2016 when David Dimbley announced to the entire nation that the United Kingdom would leave the EU after over 40 years of being member of the European Club. On the question “do you want to be in or out of the European Union?” the majority of the UK citizens, especially in England, voted to leave. For many years the British were not called to make such an important decision that would ‘radically’ change their future relationship with the EU and their destiny as an independent country. The outcome of the referendum has exacerbated the division in which the country, families, friends, Europeans resident in the UK experienced up- front during the campaign and especially aftermath. Nobody at that stage could predict that Brexit would become a self-harm tool for the new Brexit government held by Theresa May, and that would destabilise the economy, threaten jobs and force many companies, which have set up in the UK to trade mainly with the EU market, to reconsider their position and relocate the business somewhere else. The side effects of the post Brexit are still unknown to everyone, however one thing is certain that the UK economy will be subject to deepen shifts and reconfiguration.

Acquista il tuo spazio pubblicitario su Vox

From a political perspective, neither the Labour party was able to deliver a convincing campaign to remain in the EU and show a clear outlook. Despite their Manifesto, the majority of the Labour MPs, who wanted to honour the result of the referendum and be loyal to Corbyn, contributed to increase more confusion, unclarity to Brexit’s solution and fractions within the party. Similarly, the Tories triggered within its own party unpredicted fragmentations of different views and ways of dealing with Brexit. Its internal fight has undoubtedly given the impression that May has predominantly struggled since her mandate as Prime Minister to keep together the Conservatives MPs instead of putting the national interest first. All this has brought impasse, lack of alternative solutions, anxiety from the business front, mistrust of the Brits in the current political establishment, but also uncertainty for millions of Europeans who have chosen the UK as their home. None of us Europeans could understand how all this ‘Will of the British to leave the EU’ would change our lives in the UK, but also the lives of the British people.

Within the Brexit’s discourses, the government and its representatives have often used the freedom of movement to win over the consent of the leavers and send reassurances across the country that the referendum will be delivered. At the same time, their allusive unfairness towards the immigrants from Europe has made many of the Europeans uncomfortable and unwelcome especially when It was announced the £65 fee that the Europeans were told that they would pay to continue to live after the 2020. As well as it was reckless the unfortunate comment of the Prime minister who insinuated that the Europeans would not “jump the queue” anymore, and that they would be treated the same way other citizens coming from the rest of the world would be treated without holding any special benefits. For these reasons, the prime minister, thus, was accused of fuelling hate crime. Surely, with Brexit racism re-emerges and breaks up the political correctness. The foreigner, seen as an outsider, intruder, invader, becomes once again an easy target for scaremongering and false narratives. During the referendum campaign, the UKIP cleverly picked up the European migration issue to attract people’s consent and ignite a ferocious propaganda against the EU and the freedom of movement of people. More significantly, the UKIP was able to detect malcontent amongst many Brits, mainly English, and give voice to their frustration. Some felt entitled to be aggressive, abusive against the Europeans, especially against the Poles and other eastern Europeans, who were perceived as the main cause of lack of jobs, reduction of wages, housing crisis and so on. As it has been observed, this has happened because the freedom of movement of people has not raised the prosperity of people in Britain. Therefore, within this context, the value of the freedom of movement, which has successfully built up through my generation a sentiment of an European identity thanks to the right for every European to move freely and settle down wherever they wish within the EU, is relentlessly discredited and vilified. The great sentiment of being one within the European heritage is frequently repudiated by the leavers and many British people, especially those who live away from the main cities, with rhetorical discourses of rebuilding the Great Britain.

Corso di scrittura creativa

Today the united Kingdom is profoundly divided by those who think that the UK will be glorious and powerful as an independent country and those who feel strongly attached to the European heritage. The latter is one of the many messages that spread out loud at the London march last Saturday. The message was that we are all Europeans who proudly carry that European culture which converges to common interest, opinions, trends, and also historical, political and social influences. This sense of “commonality” with the European legacy that is tangible everywhere in the EU countries has enabled me to happily and smoothly integrated into the British culture many years ago, precisely into the Londoner community, and more importantly, it has made me feel like a British, equal to them. However, the noble sentiment of the cultural attachment has little space and value within a chaotic politics. Hannah Arendt would oppose the idea that politics cannot be narrowed to power relationships, competing interests and internal battles. Unfortunately, this is the reality that the British government and the Tories party are currently doing. We have been hearing for very long time MPs claiming their reasonings without moving forward and initiate a practical solution because Brexit is not only a hypothetical event, but it also lacks of definition. Whenever the Brexit debates arises the only certainty is its argumentative vagueness in which opinions multiply. In the meantime, our lives in this shambolic situation and never ending story must carry on and at the same time we must be prompt to whatever the final decision will be.

Vox Zerocinquantuno n.32, Aprile 2019

 

È ancora vivo il ricordo di quella mattina di venerdì 24 giugno 2016, quando David Dimbley annunciò all’intera nazione che il Regno Unito avrebbe lasciato l’UE dopo oltre 40 anni di appartenenza al Club europeo. Alla domanda “vuoi entrare o uscire dall’Unione Europea?” la maggioranza dei cittadini britannici, specialmente in Inghilterra, ha votato per andarsene. Per molti anni gli inglesi non sono stati chiamati a prendere una decisione tanto importante, che avrebbe “radicalmente” cambiato le future relazioni con l’UE e il loro destino come paese indipendente. L’esito del referendum ha esacerbato la divisione che il paese, le famiglie, gli amici, gli europei residenti nel Regno Unito hanno vissuto in anticipo durante la campagna e in particolare le sue conseguenze. Nessuno in quella fase poteva predire che Brexit sarebbe diventata uno strumento di autolesionismo per il nuovo governo guidato da Theresa May, e che avrebbe destabilizzato l’economia, minacciato posti di lavoro e costretto molte società, che si erano stabilite nel Regno Unito a commerciare principalmente con il mercato europeo, a riconsiderare la propria posizione e trasferire altrove l’attività. Gli effetti collaterali del post Brexit sono ancora sconosciuti a tutti, tuttavia una cosa certa è che l’economia del Regno Unito sarà soggetta a cambiamenti e riconfigurazioni molto profonde.

Da un punto di vista politico, il partito laburista non è stato in grado di realizzare una campagna convincente per rimanere nell’UE e mostrare una visione chiara. Nonostante il loro Manifesto, la maggioranza dei deputati laburisti, che volevano onorare il risultato del referendum ed essere leali a Corbyn, contribuirono ad aumentare la confusione, la poca chiarezza nella soluzione di Brexit e le divisioni all’interno del partito. Allo stesso modo, i Tories hanno innescato all’interno del proprio partito divisioni imprevedibili sui diversi punti di vista e modi di affrontare Brexit. La lotta interna ha indubbiamente dato l’impressione che May abbia usato prevalentemente il suo mandato di Primo Ministro per tenere insieme i parlamentari conservatori invece di mettere al primo posto l’interesse nazionale. Tutto ciò ha portato all’impasse, alla mancanza di soluzioni alternative, all’ansia del fronte imprenditoriale, alla sfiducia degli inglesi nell’attuale establishment politico, ma anche all’incertezza per milioni di europei che hanno scelto il Regno Unito come loro casa. Nessuno di noi europei poteva capire come tutta questa “volontà degli inglesi di lasciare l’UE” avrebbe cambiato le nostre vite nel Regno Unito e anche la vita del popolo britannico.

All’interno dei discorsi su Brexit, il governo e i suoi rappresentanti hanno spesso usato la libertà di movimento per conquistare il consenso dei giovani e inviare rassicurazioni a tutto il paese che il risultato del referendum sarebbe stato rispettato. Allo stesso tempo, la loro sottile discriminazione nei confronti degli immigrati dall’Europa ha fatto sentire a disagio e sgraditi molti europei, specialmente quando è stato annunciato il pagamento di 65 sterline che questi ultimi avrebbero dovuto versare per continuare a vivere in UK dopo il 2020. Così come è stato sconsiderato lo sfortunato commento del primo ministro insinuante che gli europei non avrebbero più “saltato la fila” e che sarebbero stati trattati nello stesso modo degli altri cittadini provenienti dal resto del mondo, senza speciali benefici. Per questi motivi, quindi, il primo ministro fu accusato di alimentare il clima di odio.

Sicuramente con Brexit il razzismo riemerge e distrugge la correttezza politica. Lo straniero, visto come un estraneo, un intruso, un invasore, diventa ancora una volta un facile bersaglio di allarmismo e falsità. Durante la campagna referendaria l’UKIP ha abilmente raccolto la questione migratoria europea per attirare il consenso delle persone e innescare una feroce propaganda contro l’UE e la libertà di movimento delle persone. Cosa più importante, l’UKIP è stato in grado di intercettare il malcontento di molti cittadini britannici, principalmente inglesi, e dare voce alla loro frustrazione. Alcuni si sono anche sentiti autorizzati ad essere aggressivi o violenti nei confronti degli immigrati, in particolare contro polacchi e altri europei dell’est, che sono stati percepiti come la causa principale della mancanza di posti di lavoro, della riduzione dei salari, della crisi abitativa e così via. Come è stato osservato, questo è successo perché la libertà di movimento delle persone non ha aumentato il benessere della popolazione in Gran Bretagna. Pertanto all’interno di questo contesto il valore della libertà di movimento, che ha sviluppato con successo nella mia generazione un sentimento di identità europea grazie al diritto per ogni europeo di muoversi liberamente e stabilirsi ovunque desiderino all’interno dell’UE, è inesorabilmente screditato e diffamato. Il grande sentimento di fare parte del patrimonio europeo è spesso ripudiato dai sostenitori di Brexit e da molti inglesi, specialmente quelli che vivono lontano dalle principali città, con discorsi retorici di ricostruzione della Gran Bretagna.

Oggi il Regno Unito è profondamente diviso tra coloro che pensano che il Regno Unito tornerà glorioso e potente come paese indipendente e coloro che si sentono fortemente legati al patrimonio europeo. Quest’ultimo è uno dei tanti messaggi diffusi ad alta voce durante la marcia di Londra dello scorso sabato. Ovvero che siamo tutti europei, portanti con orgoglio quella stessa cultura che converge verso interessi, opinioni, tendenze e anche influenze storiche, politiche e sociali. Questo senso di “comunanza” con l’eredità europea, che è tangibile ovunque nei paesi dell’Unione, ha permesso di integrarmi felicemente e senza intoppi nella cultura britannica molti anni fa, precisamente nella comunità londinese e, cosa più importante, mi ha fatto sentire un inglese, uguale a “loro”.

Tuttavia il nobile sentimento dell’attaccamento culturale ha poco spazio e valore in una politica caotica. Hannah Arendt si era opposta all’idea che la politica fosse ristretta al potere delle relazioni, degli interessi in competizione e delle battaglie interne. Sfortunatamente questa è la realtà attuale del governo britannico e dei Tories. Da molto tempo ascoltiamo parlamentari che sostengono i loro ragionamenti senza fare un passo avanti e avviare una soluzione pratica perché Brexit non è solo un evento ipotetico, ma anche senza alcuna definizione. Ogni volta che si pone il dibattito su Brexit, l’unica certezza è la vaghezza argomentativa in cui le opinioni si moltiplicano. Nel frattempo le nostre vite in questa situazione fittizia e in questa storia infinita devono continuare e contemporaneamente dobbiamo essere pronti a qualsiasi decisione finale.

Vox Zerocinquantuno n.32, Aprile 2019


Paola Barbuzzi è docente di Letteratura inglese a Londra, lavora nel settore dei Diritti Umani.

Traduzione in italiano di Davide Scibetta.

Foto: @ProLitteris – L’opera di Banksy, «Devolved Parliament».

(52)

Share

Lascia un commento